Wild Spring Bud 2014

Per festeggiare l’anno della capra non c’era niente di meglio che brindare con un puerh crudo molto particolare ed interessante: il Wild Spring Bud raccolto nel 2014.

WILDBUD

I puerh sono tè che subiscono un processo di fermentazione post produzione che ne caratterizzerà in seguito il gusto e che dal 2009 hanno ottenuto la denominazione di indicazione geografica protetta e devono essere assolutamente prodotti nello Yunnan. Puerh non a caso, è una città di questa provincia cinese.
Esistono due tipi di puerh, il crudo e il cotto.
Il Wild Spring Bud, è un puerh crudo che viene prodotto con questa classica operazione: raccolta di foglie da alberi in genere anziani, leggero appassimento delle foglie, stabilizzazione ed essicazione al sole. In seguito le foglie vengono trattate con il vapore e i batteri fanno il resto, nella fermentazione, agendo come lieviti.

Il Wild Spring Bud è un tè che è stato raccolto nel marzo 2014 ed è composto da germogli provenienti da alberi selvatici che crescono nella foresta.
Questo tè in particolare proviene dal terroir Da Xue Shan, ossia dalle montagne Da Xue. Un bosco idilliaco ricco di piante di tè selvatiche.
A seguito di vari abusi, in particolare sullo sfruttamento illegale di piante di tè selvatiche e altre specie rare in questo parco, l’accesso oggi è consentito solo con un permesso speciale da parte delle autorità.
Tra i sentieri che incrociano alberi di camellia sinensis secolari si possono incontrare anche i più rari di camellia taliensis. Una sottospecie selvatica della, a noi più comune, sinensis.
La particolarità di questo tè sta proprio nel provenire da questa pianta.

Le foglie secche sono composte da germogli verde scuro e marroni.
Il liquore ha un colore ambrato rosato. Aroma di uva e mela verde. Il gusto, dolciastro, si identifica fin da subito. Il finale è fresco e mentolato. Il retrogusto è persistente e lo si percepisce in bocca anche per una decina di minuti. Non c’è astringenza.

Ho provato il Wild Spring bud con acqua San Bernardo e gaiwan.
5 gr, 80° 15-20-25-30

Rivenditore: Hojo Tea

stefanoaliquo

3 Comments

  1. Dove lo prendi di solito il pu erh in Italia? Ho sentito dire che a volte ci sono problemi alla dogana. Io non abito in Italia al momento, ma sono curioso 🙂

  2. Capito, mi sembrava non fosse facile trovarlo in Italia 🙂 anch’io di solito lo prendo dalla Cina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *