La nuova frontiera dell’artigianato legato alla cultura del tè: la Polonia

In questo post cerco di concentrare brevemente uno scambio di informazioni che ci siamo passati con Luca di Tazzafumanti e Anton di Tea Dragonfly.bero_4a_Fotor
Ci si è domandati perchè attualmente quando si è alla ricerca di un bellissimo chawan in terracotta per i nostri tè giapponesi la risposta non è Cina o Giappone ma bensì la Polonia.
La Polonia, sostiene Anton, ha subito il fascino della cultura del tè dai vicini Cechi.
In Repubblica Ceca si possono trovare tantissime case del tè molto professionali e diversi artigiani che si occupano anche di ceramica.
Sempre secondo Anton, la Polonia pare essere la nuova frontiera dell’artigianato legato al rito del tè e i suoi artigiani paiono essere quindi il risultato dell’influenza della passione Boema applicata al mondo del tè.
DSC_6609Gli artigiani polacchi sono stati molto bravi a imporsi anche dove questa cultura conta davvero e oggi diversi artisti espongono anche a Taiwan e in Cina.
Personalmente ho avuto a che fare con l’artigiano polacco Andrzej Bero, una persona molto disponibile e umile ma allo stesso tempo professionale e preparata.
IMG_2080Cercavo un paio di chawan da regalare a mio fratello e 4 giare di terracotta per lasciarci riposare del prezioso puerh.
Un rapido scambio di email per capirci e l’intesa è stata ottima.
Ne volevo un paio di terracotta grezza e un paio smaltate. Ho potuto decidere forma, colore e dimensione. Bero mi chiese solo 1 mese di lavoro e poi le giare e i chawan sono arrivati.IMG_2051 IMG_2050Altri artigiani molto bravi sono il ceco Petr Novak, la sua compagna Miroslava Randova e il polacco Grzegorz Ośródka.

 

stefanoaliquo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *