Fushoushan High Mountain Winter oolong 2014

Il tè che recensiamo oggi è un High Mountaing Oolong di Taiwan Tea Craft, proveniente da Taiwan e che ho avuto l’occasione di provare con Massimo di Orange Pekoe.
Un tè non proprio economico e dalla bassa ossidazione.

foto 1 (8)

Questo tè proviene dal terroir di Lishan e precisamente a Fushou Shan e il cultivar usato è Chin Xin.
Le piante crescono a 2100 metri sopra il livello del mare su un terreno naturale in cui l’uso di pesticidi è basso. Qui la vegetazione è coperta da un mare di nuvole e nebbia abbastanza stabili e frequenti e che offrono un ricco nutrimento naturale alle piante. A causa del clima di montagna estremamente freddo la crescita del tè è lenta e quindi le piante maturano lentamente, arricchendo le foglie di vitamine che offrono poi al liquore un gusto pieno, dolce, fruttato e fragrante.
Questo tè viene raccolto due volte l’anno: a maggio/giugno e a settembre/ottobre. In questo caso un raccolto a mano del secondo tipo.
Il Fushoushan, purtroppo, a partire dagli anni ’70 viene coltivato anche a bassa quota per la grande distribuzione, tuttavia i raccolti della piantagione che si trovano in quota sono famosi per essere gestiti dal governo. La piantagione infatti, gestita da veterani delle forze armate, viene fornita anche a funzionari pubblici e pare anche all’ufficio del Presidente.
In ogni caso come già detto, si tratta di un tè non proprio economico, considerando che 50gr vengono venduti a 32 dollari.

foto 2 (7)Abbiamo usato per la preparazione di questo oolong a bassa ossidazione il gaiwan con infusioni a 85° con questa serie: 15-15-20-30-50-60-120-240

Le foglie secche si presentano arrotolate, molto strette, di colore verde bluastro con aroma vegetale e note di burro. Assenza di off notes.

  • 1° infusione a 15 secondi:
    L’infuso è color verde intenso e ha un forte aroma floreare di osmanto con note vegetali e di burro.
    Il liquore è trasparente, di color giallo molto pallido ma ancora troppo timido. Note vegetali e di burro domina su un attacco floreale di osmanto.
    foto 4 (2)
  • 2° infusione a 15 secondi:
    L’infuso mantiene gli aromi della prima infusione. Il liquore è sempre trasparente e pallido con un dolce attacco floreale, il sentore vegetale è sempre forte ma si percepisce una leggera nota di vaniglia. Il tè si sta svegliando.
  • 3° infusione a 20 secondi:
    L’infuso incomincia ad aprirsi bene mostrando la sua forma a ramoscello con 4 foglie. L’aroma è sempre fresco e vegetale ma inizia ad esser più frizzante.
    Il liquore diviene dorato molto chiaro, pur mantenendo la sua trasparenza. La consistenza ora si fa cremosa, rotonda e lunga. Ora gli aromi di verdura cotta e spinaci escono molto di più insieme a note di burro, si è un pò persa invece la nota floreale dell’osmanto.
  • 4° infusione a 30 secondi:
    L’infuso ora è frizzante e sembra dare il meglio di se. Alle note vegetali burrate si uniscono note balsamiche.
    Il liquore ora è cremoso, rotondo, lungo. L’attacco è dolce e floreale, forti le noti vegetali di fondo che ricordano gli spinaci cotti nel burro con leggere note balsamiche. Il finale è lievemente e piacevolmente aspro e lungo. Ricorda la buccia d’uva verde.
    Questo finale in bocca è molto interessante e pur non trattandosi di un tè molto complesso questa infusione si scopre essere una sorpresa.
    La quarta infusione è la migliore.
  •  5° infusione a 50 secondi:
    Il liquore è sempre cremoso ma il sapore incomincia ad appiattirsi e incomincia a perdere le sue qualità.
    Abbiamo provato ulteriori infusioni. Pur trattandosi di un oolong a bassa ossidazione abbastanza generoso non andrei oltre la 5° infusione.
    Il sapore rimane abbastanza piacevole, con astringenza quasi nulla, ma pur sempre poco interessante.

stefanoaliquo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *