2002 Little yellow mark raw puerh

2002 Little yellow mark raw puerh

Si, mi piacciono gli sheng puerh, ma preferisco di gran lunga quando sono giovanissimi e arroganti.
Questa sera ho deciso di assaggiarne uno del 2002, rimasto troppo tempo nell’armadio a veder passare in tazza i suoi colleghi più giovani. E cosa mi sono perso!
Il tè in questione è stato prodotto su commissione da un cliente di Taiwan nel 2002 ed è stato lasciato maturare in ambiente secco nel Gaungzhou, subito dopo la produzione.
E’ reperibile oggi con il nome 2002 Little yellow mark da White 2 tea che vende qualche torta a 150 dollari l’una.
2002_LittleYellowMark_1Ho davanti a me uno sheng puerh di quasi 14 anni, che a mio parere, è stato lasciato maturare con una qualità che rasenta la perfezione.
Uno sheng che inizia ad avere un’età interessante, che si è già trasformato negli anni, ma che pare pronto per una nuova metamorfosi.
Pensavo, infatti, di dovermi bere un classico puerh “adulto”, morbido e carico, con i suoi sapori intensi di sottobosco e invece mi sono trovato in tazza un “ragazzino”. Avete presente gli adulti che vediamo oggi vestire come gli adolescenti? Ecco, è lui!
Se lo avessi bevuto alla cieca lo avrei connotato intorno al 2007-2010.
E’ pronto ancora per una nuova maturazione.

Ho preparato questo tè con la mia yixing da 67 ml e 3 gr di foglie. Acqua San Bernardo a 100° e infusioni di questa durata: 15-20-25-30-35-40 secondi.
tLe foglie secche sono marrone scuro opaco, tendenti al nero con qualche gemma dorata e pelosa e profumano leggermente di fiori.
Inserendo le foglie secche nella yixing riscaldata emanano un’aroma piacevole che ricorda il tabacco da pipa.

L’infuso è di color verde scuro con delle belle foglie. L’aroma ha note di tabacco e sottobosco.
Dalla terza infusione l’aroma si trasforma e le note di tabacco e sottobosco si perdono nel fondo lasciando emergere il profumo di fiori e un sottile incenso.

Il liquore non possiede il colore tipico dei puerh di una certa età ma si mostra in una tonalità giallo-arancio molto chiara.
La prima infusione è molto leggera con note di sottobosco e non mi ha particolarmente colpito, stonando rispetto al suo costo.
La seconda infusione si fa più intensa e “verde”, mantenendo sempre le note di legno e sottobosco, con un buon equilibrio tra dolce e amaro e in bocca ricorda un giovane sheng, per la gioia del mio palato.
Dalla terza infusione il puerh si trasforma. Le note di sottobosco si perdono nello sfondo e il tè diventa dolce con note di prugne, fiori e miele.
Mi piace tenerlo in bocca e farlo ruotare, sembra pastoso ed è delizioso.
Il liquore è secco, dovuto alla tipologia di stoccaggio, è morbido e dolce.
Possiede una discreta lunghezza e nel finale lascia una piacevole e leggerissima astringenza nella parte centrale della lingua ma allo stesso tempo provoca salivazione sulla punta.
Chi me lo regala per il compleanno?????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *